Badalucco - Guida Turistica

CERCA ALBERGHI
Alberghi Badalucco
Check-in
Check-out
Altra destinazione


.: BADALUCCO
 Badalucco è un comune di 1.234 abitanti della provincia di Imperia.
 Badalucco è situato nella media Valle Argentina, adiacente la Rocca di San Nicolò. L'antico borgo medievale, sorto lungo il torrente omonimo, presenta tipiche case in pietra a vista site in stretti vicoli, caruggi e piazzette. Caratteristici sono i due ponti del tardo Medioevo, costruiti con forma a schiena d'asino, situati all'entrata e all'uscita del borgo.
 Il clima, nonostante la vicinanza alla costa, è di tipo continentale con estati afose ed inverni freddi ed umidi. Le brezze marine infatti non riescono a penetrare negli stretti meandri della Valle Argentina. Il comune fa parte della Comunità Montana Argentina Armea.
 Secondo fonti storiche locali, nei pressi di Campo Marzio posto all'inizio dell'abitato, si è combattuta la battaglia fra la popolazione dei Liguri contro l'esercito dell'Impero Romano nel 181 a.C.. La vittoria dei Romani sulla popolazione locale segnò la sottomissione della Riviera di Ponente e delle valli circostanti.
 In seguito divenne feudo dei Conti di Ventimiglia, fino alla metà del XIII secolo, ossia quando Genova diede inizio alla sua mira espansionistica nel ponente ligure.
 Nel 1258 Badalucco subì l'occupazione militare da parte della Repubblica di Genova, in lotta con Carlo d'Angiò, riuscendo nell'anno successivo (1259) ad acquistarne delle terre. Giovanni Boccanegra, per conto del Comune di Genova, riscattò le terre di Balauco, Baiardo e la metà di Buzana (le odierne Badalucco, Bajardo e Bussana) per la somma di 2.300 mila lire.
 Nel XVIII secolo subì l'invasione e la conseguente occupazione da parte dell'esercito dell'Impero Austro-Ungarico (1747) e cinquant'anni dopo (1797) quella del generale corso Napoleone Bonaparte durante la calata francese napoleonica in Liguria.
 Nel 1815 alla caduta dell'imperatore francese rientrò nei confini del Regno di Sardegna, così come il resto della precedente repubblica genovese, e nel 1860 nel Regno d'Italia.